Quel ponte da attraversare

La vita è strana, a volte è sola salita, a volte è facile e leggera.

Le difficoltà sono infinite: delusioni, sfide perse, quotidianità, lavoro, amori finiti, affetti strappati, amicizie che si frantumano lasciando tanto sgomento.

Noi dobbiamo sempre stare in bilico, continuare a camminare, schivare i massi che troviamo sul cammino con il vento che soffia in faccia verso un traguardo, il traguardo più importante.

Quando sei malato la vita esterna scorre, tutti corrono, lavorano e sono impegnati in mille futili cose e tu invece cerchi di portare a casa la pelle.

Tutto ti appare subito così stupido ed inutile, ti senti protetta solo in ospedale dove tutti ti capiscono e riescono a conoscerti nel profondo senza i contorni della vita.

Questa passerella che si muove ad ogni soffio di vento, piccola stretta è l’ unica da attraversare e tu devi farlo per arrivare alla terra. La devi attraversare per essere salva.

Nella solitudine comprendi molto, capisci chi hai voluto accanto nella tua vita e non ti ha mai lasciato la mano, capisci chi ti ha voltato le spalle, chi non c’è stato.

Rimanere congelata per mesi in un limbo dove si preme pausa e tutto per te si blocca, insegna tanto e quando si arriva a fine del ponte e di quella passerella non si è più gli stessi.

Rubina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...